Dicono sugli Angeli

metti nel carrello
Meditazioni con gli Angeli + CDVoto medio su 2 recensioni: Da non perdere

I vostri Angeli cusodi sono sempre con Voi, anche se non vi accorgete della loro presenza.
Loro desiderano aiutarvi in qualsiasi aspetto  della vostra vita . Tuttavia perchè disponete  del LIBERO ARBITRIO, gli Angeli possono offrirvi il loro aiuto solo se siete voi a chiedere il loro intervento.
Se inviterete questi esseri celesti ad aiutarvi in ogni ambito della vita , tutto diventa più bello, armonico,semplice.
Per qualsiasi  discorso che vogliate approfondire sugli Angeli potete scrivermi al mio indirizzo mail :
giopinto12@gmail.com risponderò a tutti appena possibile!
felice giornata a tutti in compagnia dei NOSTRI amici Angeli!
Giovanna




Citazioni sugli angeli  

   TESTI  TRATTI  DA  da http://www.angelibuoni.it



Essi sono sommamente puri, non solo nel senso che alcuna macchia, alcuna bruttura mai li deturpa e non sono sottoposti alle leggi delle nostre immaginazioni materiali, ma soprattutto perché inaccessibili ad ogni principio di degradazione. Egualmente sono anche contemplativi... Sono perfetti non per il possesso di misteri nascosti sotto la verità dei simboli, ma perché nella loro alta ed intima unione con la divinità acquistano, toccando le cose divine, l’alta intelligenza che domina gli Angeli.   (Dionigi Aeropagita)

Non sono sottoposti alle leggi del tempo, ma hanno una loro propria durata. Sono oltre gli spazi. Esercitano direttamente il loro potere sul mondo materiale, ma non possono influire direttamente su un’altra intelligenza creata... Non conoscono né il futuro né i misteri della grazia, né i pensieri segreti di alcuna creatura ragionevole.
("Il ritorno degli Angeli", A.A.V.V., La Locusta Vicenza 1988)



Chi è morto spiritualmente ha l’occhio atrofizzato e non vedepiù intorno gli Angeli. E tuttavia gli Angeli non ci abbandonano, nemmeno quando sono da noi abbandonati.(
G.De Luca)


...gli Angeli, puri spiriti che vivono accanto a noi che siamo spiriti viventi nella materia, noi non li vediamo più dal momento che abbiamo rinunziato a vivere come spiriti... e tuttavia... più noi ci accechiamo, più essi vegliano sulle nostre strade. Sulla porta della cattedrale, l’Angelo fa sorridere anche la pietra... l’Angelo sa. L’Angelo tace.
("L’anno del cristiano", Ed. Storia e Letteratura 1987)

E questa luce eterna e questo canto eterno si riverbera su di noi, se siamo bambini.
(Giorgio La Pira)

Mettete tra parentesi il problema dell’esistenza. Mi limito al suo significato. Ritengo che siamo attorniati da Angeli, latori della bellezza. Vi è un Angelo per ogni nazione, per ogni provincia, per ogni uomo: l’Angelo Custode.
(da una lezione di E. Sourian, universià della Sorbonne, Parigi, cit. di J. Guitton da "L’Osservatore Romano)


Su sono specchi, voi dicete troni, onde refulge a noi Dio giudicante.
(Dante)

Gesù ha detto: "Quando voi vedrete la vostra rassomiglianza vi rallegrerete. Ma quando voi vedrete le vostre immagini che sono esistite prima di voi, che non muoiono né si manifestano, così grande sarà quello che proverete".
(Vangelo secondo Tommaso, log. 84)

La condizione dei risorti sarà simile a quella degli Angeli.
(Giovanni Paolo II)

Gli Angeli sono geni singolari. Sono esattamente ciò che sono e non potrebbero essere nulla di diverso: in sé esseri senz’anima che non rappresentano altro che pensieri e intuizioni del loro Signore.(Jung)




Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda col tuo intelletto, e scopri quello che conosci già, allora imparerai come si vola (...) Si rese conto d’un tratto che il suo amico non era più divino di quanto lui stesso non fosse. Senza limiti.("Il gabbiano Jonathan Livingstone", R. Bach)






Gli angeli nei vangeli

Gli Angeli li ritroviamo presenti durante la vita terrena del Figlio di Dio; una presenza visibile nei momenti più significativi. A loro è affidato il più grande annuncio della storia: Dio si sarebbe incarnato, facendosi uomo come noi, per liberare l'uomo dalla schiavitù del peccato e riaprire a tutti il Paradiso per il quale siamo stati creati.


L'Arcangelo Gabriele annuncia a Zaccaria sacerdote, mentre si trovava nel tempio a bruciare l'incenso, il miracoloso concepimento di Giovanni Battista, precursore di Gesù. "Erano senza figli, perchè Elisabetta non poteva averne e tutti e due erano ormai troppo vecchi" (Lc 1,7). L'angelo di Dio gli reca l'incredibile notizia: "Tua moglie ti darà un figlio e tu lo chiamerai Giovanni. La sua nascita ti darà una grande gioia e molti saranno contenti...Dio lo colmerà di Spirito Santo fin dal seno di sua madre. Questo tuo figlio riporterà molti israeliti al Signore loro Dio" (Lc 1,13-16)
Sei mesi dopo lo stesso Arcangelo si reca a Nazareth, un villaggio della Galilea:"...Da una fanciulla che era fidanzata a un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La fanciulla si chiamava Maria. L'angelo entrò in casa e le disse:"Ti saluto, Maria! Il Signore  è con te e ti ha colmata di grazia...Tu hai trovato grazia presso Dio. Avrai un figlio, lo darai alla luce e gli metterai nome Gesù. Egli sarà grande e Dio, l'Onnipotente, lo chiamerà suo Figlio. Il Signore lo farà Re e lo porrà sul trono di Davide suo Padre. Egli regnerà per sempre sul popolo d'Israele. Il suo regno non finirà mai" (Lc  1,27-33).


Maria  è turbata dal misterioso annuncio, perchè è ancora vergine e già promessa sposa di Giuseppe. Ma l'angelo l'assicura :"Lo Spirito Santo verrà su di te e l'onnipotente Dio, come una nube, ti avvolgerà : Per questo il bambino che avrai sarà santo, Figlio di Dio...Nulla è impossibile a Dio!" (Lc1,35).


Prima della nascita di Gesù un angelo era apparso in sogno a Giuseppe, per rassicurarlo sulla maternità di Maria:"Non aver paura di sposare Maria la tua fidanzata: il bambino che lei aspetta è opera dello Spirito Santo. Maria partorirà un Figlio e tu gli metterai nome Gesù, perchè lui salverà il popolo da tutti i suoi peccati" (Mt 1,20-21).

Sarà ancora un angelo di Dio a dirgli :"Alzati, prendi il bambino e sua Madre e fuggi in Egitto. Erode sta cercando il bambino per ucciderlo. Devi rimanere là finchè non ti avvertirò.

Gli apparirà nuovamente per ordinargli di tornare in Israele: "Perchè ormai sono morti quelli che cercavano di far morire il bambino" (Mt 2,20)

 ll grande avvenimento viene annunciato al mondo per prima a dei poveri pastori. "Un angelo si presentò loro e la gloria del Signore li avvolse di luce, così che essi ebbero una grande paura. L'angelo disse:"Non temete! Vi porto una bella notizia che procurerà grande gioia a tutto il popolo. Oggi nella città di Davide è nato il vostro Salvatore...". Subito apparvero e si unirono a lui molti altri angeli. Essi lodavano Dio cantando:"Gloria a Dio in cielo e pace in terra agli uomini che egli ama" (Lc 2,8-14).





Nel momento doloroso, l'agonia nel Getsemani, Gesù sopraffatto dal dolore si rivolge al Padre:" Se vuoi, allontana da me questo calice di dolore. Però non sia fatta la mia volontà, ma la tua". Allora dal cielo venne un angelo a Gesù per confortarlo, in preda all'angoscia a pregava più intensamente e il suo sudore cadeva a terra  come gocce di sangue.   Durante la cattura, a chi voleva impedirlo con la forza, Gesù disse:" Rimetti la spada al suo posto perchè tutti quelli che usano la spada moriranno colpiti di spada. Cosa credi? Non sai che io potrei chiedere aiuto al Padre mio e subito mi manderebbe più di dodici legioni di angeli?" (Mt 26, 52-53).




Gli angeli sono ancora presenti nel momento della Resurrezione di Gesù."Improvvisamente ci fu un terremoto, un angelo del Signore scese dal cielo e fece rotolare la grossa pietra e si sedette sopra. Aveva un aspetto splendente e una veste candida come la neve. Le guardie ebbero tanta paura di lui che cominciarono a tremare e rimasero come morte"
(Mt 28, 2-4)





 A Maria Maddalena e a Maria di Giacomo, accorse di buon mattino alla tomba di Gesù, l'angelo disse:"Non abbiate paura. So che cercate Gesù, quello che hanno crocifisso, Non è qui perchè è risuscitato come aveva detto. Venite a vedere dove era il suo corpo. Ora andate, presto! Andate a dire ai suoi discepoli:"E' risuscitato dai morti e vi aspetta in Galilea" (Mt 28, 5-7)

Gesù dopo esser rimasto ancora quaranta giorni con gli apostoli e i discepoli, per dare loro la prova convincente della sua resurrezione, promette di inviare lo Spirito Santo per renderli testimoni fino ai confini della terra. "Detto questo Gesù cominciò a salire in alto mentre gli apostoli stavano a guardare. Poi venne una nube e non lo videro più. Mentre avevano ancora gli occhi fissi al cielo, dove Gesù era salito, due uomini vestiti di bianco si avvicinarono loro e dissero: "Uomini di Galilea perchè ve ne state li a guardare il cielo? Questo Gesù che vi ha lasciato per salire in cielo, un giorno ritornerà come lo avete visto partire " (At 1,9-11)


Ed infine la liberazione di Pietro dal carcere, da parte di un angelo. La notte prima del processo Pietro dormiva tra due soldati, legato con la doppia catena. Davanti alla porta della prigione le sentinelle facevano la guardia. Quand'ecco, improvvisamente, entrò un angelo del Signore e la cella si riempì di luce. L'angelo toccò Pietro, lo svegliò e gli disse:"Svelto, alzati!". E subito le catene caddero dai polsi di Pietro.



I Santi e gli Angeli

San Francesco D'Assisi era unito agli angeli con  inseparabile vincolo d'amore. Per devozione verso di loro, a cominciare dalla festa dell'Assunzione della Vergine Santissima , digiunava per 40 giorni, attendendo continuamente alla preghiera. Era particolarmente devoto di San Michele Arcangelo.




Santa Francesca Romana è fondatrice delle Oblate di Maria. Tutta la sua  vita è accompagnata da figure angeliche, in particolare sentiva e vedeva accanto a se sempre un angelo. L'angelo si presentava come un bambino di 10 anni con i capelli lunghi gli occhi splendenti, vestito di una tunica bianca. Questo angelo le rimase accanto  per 14 anni, poi fu sostituito da un altro più risplendente del primo, che restò con lei fino alla  morte




L'angelo custode era l'intimo amico di Padre Pio, che al mattino, dopo averlo svegliato, con lui lodava il Signore:"La notte ancora, al chiudersi degli occhi, vedo abbassarsi il velo ed aprirmisi dinanzi il paradiso ed allietato da questa visione dormo in un sorriso di dolce beatitudine sulle labbra e con una perfetta calma sulla fronte, aspettando che il piccolo compagno della mia infanzia venga a svegliarmi e così sciogliere insieme le lodi mattutine al diletto dei nostri cuori".